Capital One si rifiuta di lasciare che i clienti acquistino Criptomonete da qualsiasi scambio

Varie banche in tutto il mondo non danno la possibilità ai loro clienti di acquistare o di vendere criptomonete e questo non è positivo in quanto la gente dovrebbe essere libera di spendere il denaro a proprio piacimento.
Capital One è la banca più recente su un elenco crescente di banche che bloccano le operazioni correlate alle criptovalute e a nulla sono valsi i vari reclami che troviamo in tutti i social media.

Non è la prima volta che una grande banca decide di non elaborare le richieste del cliente relative a Bitcoin o alle altre criptovalute.
Questi inconvenienti succedono di solito alle persone che cercano di acquistare Bitcoin, ma possono anche riferirsi a quegli individui che cercano di vendere.

Siamo stati informati da più utenti che Capital One ha impedito loro l’acquisto di Bitcoin, questo vale soprattutto per le persone che fanno affidamento sulla Coinbase exchange, anche se sembra probabile che altri scambi saranno interessati da questo sviluppo.

Più specificamente, le persone che hanno il capitale su di una carta di credito hanno una maggiore probabilità di incorrere in problemi in confronto a quelli che utilizzano un normale bonifico bancario.

Gli utenti di Capital One che cercano di acquistare Bitcoin o altre criptomonete vedranno che le loro operazioni non verranno elaborate.

A differenza di altre banche, questo particolare istituto finanziario non comunica ai clienti che le transazioni sono state bloccate, il che è abbastanza preoccupante.
Tutto ciò conferma che le grandi banche stanno lentamente diventando inutili quando si tratta di comprare criptomonete e le unioni di credito possono essere la migliore opzione per qualsiasi cliente che cerca di ottenere Bitcoin o qualsiasi altra criptomoneta.

Separator image Posted in News.